Teatro Savoia, cinque spettacoli saranno recuperati nella possima stagione

24

teatro fucsia

CAMPOBASSO – La Fondazione Molise Cultura comunica che, a seguito dell’interruzione della Stagione Teatrale 2019/20 presso il Teatro Savoia, si è immediatamente attivata per recuperare gli spettacoli annullati e riprogrammare la Stagione Teatrale 2020/21.

Nello specifico, i 5 spettacoli annullati a causa dell’emergenza Coronavirus:

  1. I MISERABILI
  2. CHE DISASTRO DI COMMEDIA
  3. OPEN
  4. COSI’ PARLO BELLAVISTA
  5. MORTE DI UN COMMESSO VIAGGIATORE

saranno parte della Stagione Teatrale 2020/21 al Teatro Savoia, salvo variazioni per causa di forza maggiore.

Per gli abbonati alla Stagione Teatrale 2019/20 verrà emesso, appena possibile, un voucher da spendere per la Stagione Teatrale 2020/2021 per l’acquisto di biglietti dei singoli spettacoli o per l’abbonamento alla Stagione. Il valore economico del voucher corrisponde al 50% dell’importo dell’abbonamento 2019/20.

Per quanti hanno acquistato, invece, i bigliettiper i suddetti spettacoli, la Fondazione Molise Cultura provvederà al rimborso integrale con le seguenti modalità:

Tutti coloro che hanno acquistato online sul sito liveticket.it o tramite App Liveticket riceveranno lo storno direttamente sulla carta di credito con cui hanno effettuato il pagamento entro il 30 aprile p.v.;

Tutti coloro che hanno acquistato i biglietti presso i punti vendita Liveticket Point dovranno recarsi presso il punto d’acquisto muniti deglistessi (quando le normative di riferimento lo consentiranno. A tal proposito ricordiamo che il rimborso dei biglietti non rappresenta valido motivo di urgenza per lasciare la propria abitazione); Chi ha acquistato i biglietti direttamente al botteghino della Fondazione Molise Cultura dovrà recarsi con i tagliandi presso il botteghino quando le normative di riferimento lo consentiranno.

Per ulteriori dettagli, il nostro servizio clienti è attivo tutti i giorni sui nostri canali social di Facebook e Instagram.

“Ci auguriamo di incontravi quanto prima alle nostre iniziative e tornare a condividere luoghi e sensazioni nel nome della Cultura”.