Turismo in Molise, se ne è parlato nel webinar di Acli

12

cs webinar 26 maggio 2021

REGIONE – La due giorni online di ACLI Molise dedicata al turismo ha regalato spunti interessanti per il settore permettendo confronti con realtà di livello nazionale. Ovviamente, non è passata di certo inosservata la gradita partecipazione dell’assessore al turismo regionale molisano, Vincenzo Cotugno. Dopo aver esposto i punti salienti del piano strategico del turismo, l’assessore Cotugno ha risposto alle domande del moderatore dell’incontro, il giornalista Sergio Di Vincenzo, in merito alle imminenti strategie di marketing turistico:

“Siamo pronti per il lancio di una campagna massiva che toccherà stazioni, aeroporti ed altri luoghi di forte transito – ha annunciato Cotugno – Inoltre, lanceremo il primo spot turistico che questa regione abbia mai avuto. L’anteprima coinciderà con un grande evento sportivo: i campionati europei di calcio”.

Poi il giornalista Di Vincenzo coglie l’occasione per strappare una dichiarazione sulle voci che vorrebbero ormai imminente l’annuncio di un importante testimonial per la regione:

“È vero – ha replicato l’assessore Cotugno – abbiamo contattato Elio Germano che si è detto entusiasta dell’idea. Probabilmente non riusciremo a concretizzare per l’imminente stagione estiva, ma lavoreremo per un progetto futuro di grande valenza. L’affetto che Elio Germano dimostra per la nostra regione è esemplare”.

Poi aggiunge: “Stiamo riprendendo un progetto in cui credo molto, cioè riavvicinare i molisani di terza o quarta generazione, cioè nati e cresciuti in ogni parte del mondo, alle origini della loro famiglia”.

Sarebbe un risultato importante in termini numerici, ma non solo: il mercato del turismo di ritorno, o ancestrale, ha da sempre un grande appeal e non può certamente essere ignorato.

“Non possiamo dimenticare l’alta valenza dei borghi nello scacchiere turistico regionale, ma dovremo cogliere ogni occasione per far lavorare in rete le tante peculiarità che il Molise può offrire”, ha concluso Cotugno.

Rosanna Mazzia, presidente dei Borghi Autentici d’Italia, rete composta da oltre 280 Comuni distribuiti in 16 regioni differenti, ha garantito sostegno e collaborazione a qualsiasi iniziativa che porti la giusta attenzione verso i piccoli Comuni e le comunità che li popolano, nonostante le difficoltà quotidiane legate alla cronica carenza di servizi di base.

“Per noi i piccoli Comuni non sono i villaggi turistici di un’Italia minore – ha sottolineato Mazzia – per questo non condividiamo la visione retorica del borgo raccontata in questi mesi di pandemia. Al contrario, i borghi devono essere luoghi dove far incontrare l’innovazione e la tradizione al fine di tutelare prima di tutto le comunità che li vivono ogni giorno: senza loro, non esiste alcuna forma di accoglienza autentica”.

Tra i temi cari alla regione Molise, il mondo del turismo a cavallo ed a piedi, magari lungo i tratturi, infrastrutture verdi al centro di un faraonico progetto candidato ai fondi CIS.

“In Molise vi sono realtà del settore che poche regioni italiane possono vantare. La valenza di molte aziende equestri molisane è nota soprattutto al mercato nordeuropeo, da molto tempo rappresentano l’apice di un settore con presenze turistiche molto interessanti”. Ha sottolineato Cristian Bignami, il fondatore di Horse Touring, tour operator specializzato in viaggi a cavallo sull’intero territorio nazionale.

ACLI Molise, attraverso questo ciclo di incontri, ha posto le basi per appuntamenti in presenza che portino i propri tesserati alla scoperta delle peculiarità regionali.