Venafro, nuovo edificio scolastico in via Maiella: pubblicato il bando

50

banchi di scuolaVENAFRO – Lunedì 18 è stato pubblicato il bando di gara per l’affidamento dei servizi tecnici relativi alla realizzazione del nuovo edificio scolastico in via Maiella, con scadenza fissata al prossimo 5 febbraio.

La procedura appena avviata consentirà di individuare i professionisti che dovranno provvedere a progettazione, direzione lavori, coordinamento per la sicurezza, relazione geologica, misura e contabilità, per i successivi lavori di costruzione della nuova scuola.

Finalmente prende corpo il lavoro a cui, insieme agli amici dell’Amministrazione, mi sono dedicato alacremente fin dal primo giorno della mia elezione: dare alla nostra città un nuovo edificio scolastico che consenta di riportare l’Istituto Comprensivo “L. Pilla” nella sua originaria e tradizionale collocazione.

Il traguardo, che ora si inizia a intravvedere concretamente, è stato possibile grazie all’ottenimento, da parte dell’attuale Amministrazione, del finanziamento di € 3.850.000 circa da parte del Ministero dell’Istruzione.

Un finanziamento non piovuto dal cielo, ma che l’Amministrazione che ho l’onore di guidare ha potuto conseguire soltanto grazie a un lavoro paziente e incessante presso tutti i livelli, da quello regionale a quello ministeriale.

La prospettiva è finalmente quella di demolire l’edificio attuale, chiuso a seguito del sisma di L’Aquila del 2009, e costruire al suo posto una scuola nuova e sicura, destinata a ospitare gli alunni di primaria e medie dell’Istituto “Pilla”.

Si tratta di una tappa fondamentale nella programmazione in materia di edilizia scolastica, che l’Amministrazione si è data, e che prevede anche la realizzazione di un nuovo plesso scolastico in via Machiavelli al posto dell’attuale Camelot.

Dopo gli scippi e le disattenzioni subiti da Venafro in passato, finalmente, grazie al lavoro di questi anni, di cui si iniziano a raccogliere i frutti, l’orizzonte per le scuole venafrane è più limpido.

L’obiettivo per i prossimi anni è di dare una rinnovata sistemazione definitiva a tutte le scuole cittadine, mettendo al centro la sicurezza, il comfort e l’innovazione degli ambienti scolastici.