Vigili del Fuoco, manifestazione in piazza a Roma il 14 settembre

20

fns cisl

REGIONE – “Il Corpo dei Vigili del Fuoco è in assoluta emergenza. Siamo pochi, scarsamente considerati, non adeguatamente pagati e senza nessuna tutela – è il grido di allarme che lancia il Segretario Generale FNS CISL AbruzzoMolise – Ghizzoni Atonello, servono risposte dalla politica , soprattutto sul fronte delle assunzioni, serve portare il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco dalle 33 mila unità operative alle 40 mila unità e delle 2 mila unità del ruolo tecnico professionale, alle 5 mila unità, se vogliamo ancora dare una risposta immediata alla cittadinanza. È la rivendicazione che come organizzazione sindacale portiamo in piazza mercoledì 14 Settembre a Roma.

Tra i vari punti posti all’attenzione della politica, la richiesta di un ammodernamento del Sistema Protezione Civile, la partecipazione alla stesura dei piani di emergenza comunali e per tutti gli aspetti riguardanti gli scenari emergenziali ipotizzabili. Ma non solo chiediamo che venga immediatamente attivata la Previdenza Complementare, la riduzione del percorso legato ai sei scatti stipendiali e l’apertura di un tavolo per il rinnovo del contratto 2022/2024. È paradossale continua – Ghizzoni – che quando sono i Vigili del Fuoco a chiedere aiuto nessuno corra in loro aiuto, dalla politica solo promesse”.