Santa Messa dal Santuario della Madonna della Difesa: ecco quando

101

madonna della difesa casacalenda

Domenica 22 marzo dalle ore 10.30 appuntamento sulla pagina facebook della Diocesi di Termoli Larino: il link per seguire la diretta

CASACALENDA – Come anticipato nell’articolo sulla recita del Santo Rosario, domani, 22 marzo alle ore 10.30, il Vescovo Gianfranco De Luca celebrerà la Santa messa al Santuario diocesano della Madonna della Difesa a Casacalenda in provincia di Campobasso. La celebrazione si potrà seguire in diretta su Facebook attraverso la pagina della Diocesi di Termoli – Larino.

Qui di seguito il link per seguire la Messa in Diretta: https://www.facebook.com/termolilarino/

UNA PREGHIERA

“Affidiamo a Maria le nostre preghiere in questo momento di emergenza sanitaria: Eterno Padre nel nome di Gesù, tuo Figlio e nostro fratello, in comunione con Maria e tutti i santi, ti Chiediamo di manifestare la tua Gloria in questo momento di pandemia. Liberaci dall’infezione del coronavirus, sostieni e preserva i medici e gli operatori sanitari, sostieni e dona serenità ai nostri malati. Amen“.

UN PENSIERO DEL VESCOVO

Riportiamo un estratto della lettera del Vescovo dello scorso 11 marzo:

“Proprio domenica scorsa, quando questa situazione ha avuto il suo inizio, il Vangelo ci presentava la meta del nostro cammino verso la Pasqua: la trasfigurazione della nostra vita e delle nostre relazioni in Cristo Gesù. Come i tre apostoli nell’episodio della trasfigurazione, anche noi ci siamo trovati faccia a terra e presi da grande timore (cfr Mt.17,1-9).

Alzatevi e non temete” le parole che Gesù ha rivolto a Pietro, Giacomo e Giovanni, le ha rivolte a noi per illuminare e accompagnare quanto siamo chiamati a vivere in questa ora della nostra vita e della nostra Nazione.

Innanzitutto: “Alzatevi”, non c’è da entrare in prostrazione e da rimanere paralizzati dal senso di impotenza e di precarietà che tutti avvertiamo. In questo imperativo di Gesù colgo due chiamate per me e intendo proporle a voi tutti, carissimi fratelli e sorelle”.