Obiettivo turismo sostenibile ed ecoturismo in Molise per il 2021

16

rio vivo

L’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo: “l’offerta turistica deve adattarsi e modellarsi in base ai cambiamenti, non si può restare immobili”

TERMOLI – Incentivare la sinergia tra gli operatori turistici, l’obiettivo dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo con il Distretto “Molise Orientale”, al lavoro già da mesi attraverso i gruppi di lavoro tematici per l’organizzazione e programmazione di nuovi percorsi del tempo libero e nel miglioramento dell’offerta turistica puntando su Ecoturismo e Turismo sostenibile.

L’emergenza sanitaria da Covid-19 impone la ricerca di nuovi programmi da mettere in campo e lo studio di progetti da realizzare per dare sostegno ad un settore pesantemente danneggiato dalla pandemia e, per tale motivo, l’Aast ed il Distretto guardano con attenzione a quella che è considerata la nuova frontiera del tempo libero: il Turismo sostenibile. Per sua definizione: soddisfa i bisogni dei viaggiatori e delle regioni ospitanti, protegge e migliora le opportunità per il futuro. Una nozione che si sposa perfettamente con l’Ecoturismo, inteso come attività in aree naturali in grado di contribuire alla protezione della natura ed al benessere delle popolazioni locali.

Questo è il turismo che l’Aast in qualità di Ente pubblico di promozione del territorio ed il Distretto Turistico desiderano sostenere soprattutto dopo aver analizzato le caratteristiche morfologiche e peculiarità dell’ambiente locale. Per tale motivo i due enti sono ora impegnati nella realizzazione di una serie di iniziative in stretta collaborazione e cooperazione con imprenditori del comparto e aziende agrituristiche facenti parte di “Molise Orientale”.

“Il nostro ruolo – spiegano dall’ufficio promozione turismo sostenibile dell’Aast –, sarà quello di operare attraverso azioni di studio, di informazione e progettazione. Di conseguenza creare una sinergia tra gli operatori del comparto rappresenta un punto necessario. Potranno aderire anche coloro che non fanno parte del Distretto “Molise Orientale. L’offerta turistica deve adattarsi e modellarsi in base ai cambiamenti, non si può restare immobili”.