Scuola, Marti-Sasso: “Bene CdM, grazie alla Lega più attenzione al Sud”

30
banchi scuola gambatesa
banchi scuola – foto Comune di Gambatesa

CAMPOBASSO – “Con i provvedimenti sulla scuola approvati in Consiglio dei Ministri si conferma ulteriormente il buon lavoro della Lega al governo e l’attenzione costante che questo esecutivo rivolge al Mezzogiorno. Agenda Sud è una risposta concreta per contrastare la dispersione scolastica e ridurre i divari territoriali in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Si incrementa di almeno una unità il personale ATA in ciascuna scuola del Meridione e si destinano 14 milioni al potenziamento dell’organico con 500 nuovi docenti. Si istituisce, inoltre, un fondo di 25 milioni per rafforzare le competenze di base degli studenti, aumentare il ‘tempo scuola’, promuovere una didattica sempre più personalizzata e assicurare agli alunni sostegno psicologico. Anche il fondo per l’offerta formativa viene incrementato di 6 milioni per l’attivazione di progetti specifici ma, soprattutto, per la valorizzazione della professionalità dei docenti impegnati in questi territori che riceveranno altresì una premialità di punteggio. Misure mirate a colmare il gap educativo per le scuole del Sud e che prevedono ulteriori 34 milioni di euro anche per la Puglia dove saranno 346 le scuole primarie finanziate – praticamente tutte – con 157 mila studenti coinvolti. Oggi, grazie a questi interventi pragmatici, si compie un passo avanti importante per la formazione dei nostri ragazzi e per il loro futuro”.

Così in una nota i parlamentari della Lega Roberto Marti e Rossano Sasso, rispettivamente presidente della commissione Cultura a Palazzo Madama e capogruppo della commissione Cultura alla Camera, a proposito dei provvedimenti sulla scuola approvati ieri (7 settembre) in CdM.