Settimana del buon invecchiamento 2017 a Campobasso

171

In occasione dell’inaugurazione del centro di via Emilia è stato presentato il programma dell’iniziativa che abbraccia il mese di maggio, giunta alla sua terza edizione

Settimana del buon invecchiamento 2017 a CampobassoCAMPOBASSO – Una doppia occasione quella di ieri pomeriggio per i cittadini e per l’amministrazione comunale di Campobasso e che ha inaugurato il nuovo edificio ‘polifunzionale’ di via Emilia dando il via, nel contempo, alla Settimana del buon invecchiamento arrivata alla terza edizione.

Questo il commento del sindaco Battista sul nuovo edificio ‘polifunzionale’:

“Siamo riusciti a dotare il quartiere San Giovanni di uno spazio importante all’interno del quale si attiveranno le iniziative di cui le associazioni locali si fanno promotrici. Sarà comunque un centro di aggregazione aperto a tutta la popolazione e a tutte le fasce d’età, dove ognuno si potrà e si dovrà sentire accolto.

Con questa inaugurazione abbiamo chiuso un cerchio che completeremo ultimando il piano superiore da destinare ai più giovani. La nostra missione, quella di rafforzare il senso della socialità e della comunità all’interno dei quartieri, la stiamo portando avanti con grande entusiasmo. Crediamo nella forza delle associazioni, del loro operato e del modo in cui sono radicate sul territorio e perciò cerchiamo di dare loro spazi e occasioni per incrementare la loro attività e per creare un legame ancora più forte col territorio. Vogliamo scommettere su di loro e su progetti validi come questi. Puntiamo sulla città e sulla potenza e sulla dinamicità che sprigionano i quartieri che la compongono”.

Dopo il taglio del nastro a presentare la settimana del buon invecchiamento è stata l’assessore alle Politiche per il Sociale Alessandra Salvatore.

“Siamo alla terza edizione della Settimana del buon invecchiamento e la partecipazione è sempre più ampia ed attiva, soprattutto da parte dei Centri Sociali Anziani della città, che animeranno gran parte degli eventi della settimana. Anche quest’anno si lavorerà con gli over 65 non solo per la popolazione anziana, ma per tutta la collettività cittadina, a supporto di azioni di prevenzione di patologie legate alla terza età e di promozione di stili di vita sani. 

Il tema del gioco verrà sviluppato in tutte le sue sfaccettature: gioco come elemento aggregativo, ricreativo, ma anche come patologia (la ludopatia, riguarda, purtroppo, sempre più la popolazione over 65). Un ringraziamento a chi ha lavorato con l’amministrazione comunale: la Asrem, la Caritas Diocesana, i sette Centri Sociali Anziani della città di Campobasso, l’Associazione Libera contro Le Mafie, l’Università della Terza Età, l’Associazione Sportiva Dilettantistica Burraco Molise, l’Associazione Arianuova, l’associazione Pro Crociati e Trinitari, La polifonica Monforte e l’associazione Arti e Tradizioni Fontana Vecchia”.