Viaggio, evento online di Stesi dalle Tesi e Festival del Viaggiatore

44

viaggioREGIONE – Martedì 5 gennaio dalle 17,00 alle 19,00 su Zoom i due progetti di crowdfunding in concorso per il Premio Rete del Dono per la Cultura – Stesi dalle tesi e Festival del viaggiatore – uniscono le proprie strade proponendo un evento congiunto. Una festa di saperi e viaggi per iniziare il 2021 raccontando, scoprendo e condividendo tesi di laurea che parlano di viaggio, territorio e turismo sostenibile, con l’augurio e la speranza che nel nuovo anno si possa tornare tutti a viaggiare.

Quota di partecipazione/donazione minima: 10 € a persona

Un evento congiunto, la cui importanza va al di là di quanto potrà essere raccolto. Conta principalmente la “somma dei saperi”, l’incontro dei percorsi, quale esempio di buona pratica per il raggiungimento di obiettivi comuni: rafforzare l’identità storico culturale di un Paese, il senso di comunità allargata, diffondere il piacere della conoscenza.

STESI DALLE TESI

Da Roma a Firenze, da Torino a Lecce, da Reggio Calabria a Pula in Croazia fino a Zoom, dall’aprile 2014 quando è nato da un’idea dell’antropologa e project manager culturale Adriana Migliucci, il progetto Stesi dalle tesi – Il Bel Sapere che ci unisce condividendo le tesi di laurea” ha realizzato fino ad ora 73 incontri – vere e proprie Feste del Bel Sapere – tutte elencate nel proprio sito www.stesidalletesi.it – toccando 6 provincie e città e coinvolgendo oltre 2000 persone dal vivo e nella propria community on line.

“A fare la differenza non sono però i numeri dei partecipanti volutamente contenuti per garantire l’attiva e massima interazione di ogni persona e offrire una vera e propria opportunità di playful learning, quanto la qualità delle relazioni umane che riesce a generare con originalità.

Stesi dalle tesi è l’unico format di intrattenimento educativo che offre una seconda vita alle tesi di laurea attraverso un originale storytelling partecipato: condividendo saperi, storie, passioni, idee, esperienze e talenti che si celano dentro ad esse e alle vite di chi le ha fatte. Un’iniziativa concreta per mettere in atto quanto diceva Mozart “Viviamo in questo mondo per imparare e illuminarci l’un altro”.

Ogni data di Stesi dalle Tesi viene svelata di volta in volta sul sito web, Facebook, Instagram, Telegram, Twitter e Linkedin” si legge nella nota.

FESTIVAL DEL VIAGGIATORE

Il Festival del Viaggiatore, dal 2015, dà voce alle esperienze, ai pensieri e alle emozioni delle persone, viaggiatori che si muovono nei mondi più diversi. Tutti gli eventi sono sempre ad ingresso gratuito: www.festivaldelviaggiatore.com Filo conduttore è il viaggio come metafora della vita. Scrittori, musicisti, cuochi, blogger, imprenditori, scienziati, artisti, camminatori, pensatori…tutti sono chiamati a condividere la propria esperienza, guidati da un tema dominante, che nel 2020 è la “direzione di viaggio”. Il Festival è nato ad Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia, ma dal 2020 ha cominciato a viaggiare. Abita i luoghi in cui approda, rendendoli accoglienti a tutti i viaggiatori che colgono il richiamo di ritrovarsi fuori dagli schemi e dai social, immersi nel bello e nel buono del nostro meraviglioso Paese. La città che accoglie il Festival si trasforma in un salotto a cielo aperto, dove incontri informali si trasformano in momenti di ascolto e confronto, senza barriere. Storie, racconti ed esperienze prendono vita in luoghi insoliti come la casa di Eleonora Duse, Villa Freya, la casa di Robert Browning, dimore private, ville, giardini storici, chiostri e luoghi privati solitamente non accessibili, che rendono l’esperienza un viaggio nel viaggio.

IL CROWDFUNDING DEI DUE PROGETTI

Le due campagne di crowdfunding che sulla piattaforma Rete del Dono:

  • www.retedeldono.it/it/progetti/terre-vivaci/stesi-dalle-tesi
  • www.retedeldono.it/it/progetti/inarteventi/festival-del-viaggiatore

Su Rete del Dono c’è tempo fino al 15 gennaio per donare e per aiutare Stesi dalle tesi TESI e il Festival dal viaggiatore a raggiungere l’obiettivo di raccolta di 6.000 € che consentirebbe loro di essere tra i soggetti non profit vincitori del Premio Rete del dono per la cultura consistente in ulteriori 3.000 € elargiti da UBI Banca e in agevolazioni varie offerte da altri partner in ambito culturale.