XX Giornata nazionale del sollievo: partecipa anche il Molise

9

Il presidente Toma: “costituisce un importante momento di riflessione su quanto sia fondamentale il rapporto umano con il paziente nelle cure palliative”

la giornata del sollievo
la giornata del sollievo – Fondazioneghirotti.it

REGIONE – Anche la Regione Molise e l’Hospice “Madre Teresa di Calcutta” di Larino partecipano alla XX Giornata nazionale del sollievo che si celebra il 30 maggio. Organizzato dalla Conferenza delle Regioni, con il coinvolgimento del Ministero della Salute e della Fondazione nazionale “Gigi Ghirotti”, l’evento è finalizzato a “promuovere e testimoniare, attraverso idonea informazione e tramite iniziative di sensibilizzazione e solidarietà, la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale in favore di tutti coloro che stanno ultimando il loro percorso vitale, non potendo più giovarsi di cure destinate alla guarigione”, come da direttiva del presidente del Consiglio dei ministri del 24 maggio 2001.

Le iniziative messe in campo da Regione e Hospice riguardano due testimonianze video. La prima, “Il Ponte sicuro”, è incentrata su come si sono dovute reinventare le cure palliative nel corso dell’emergenza pandemica: mantenere il contatto in sicurezza, fisico e virtuale, tra malati e familiari, laddove il contatto è diventato un pericolo. La seconda, “Il medico artigiano”, è un’intervista divulgativa che analizza le modalità attraverso le quali un operatore creativo adatta le cure, istante per istante, alle esigenze e ai bisogni di ogni malato e dei propri cari nell’attuale situazione emergenziale.

«La Giornata nazionale del sollievo – le parole del presidente Toma – costituisce un importante momento di riflessione su quanto sia fondamentale il rapporto umano con il paziente nelle cure palliative. Veniamo fuori da mesi segnati da sofferenze fisiche, morali, psicologiche, rispetto alle quali il personale sanitario molisano ha svolto un lavoro eccezionale non solo dal punto di vista professionale, ma anche da quello affettivo, avendo dovuto sostituirsi ai familiari a causa dell’isolamento dei pazienti. A loro va il ringraziamento mio personale e quello della Regione Molise. Un attestato di stima e riconoscenza al dottor Mariano Flocco e a tutta la squadra dell’Hospice “Madre Teresa di Calcutta” per il lavoro che costantemente svolgono, riuscendo a coniugare cure appropriate e grande umanità nel rapporto con i pazienti, elementi che fanno della struttura di Larino un autentico centro di eccellenza in Molise e, più in generale, in ambito extraregionale».