Cefaratti scrive a Conte per modifica DL 17 marzo 2020 n° 18

48

coronavirus covid-19CAMPOBASSO – Il vice presidente del Consiglio regionale Gianluca Cefaratti ha inviato una nota al Capo del Governo Giuseppe Conte e agli altri Ministri della Repubblica, con invito a provvedere con urgenza ad una modifica correttiva dell’art. 25 comma 6 del Decreto Legge 17 marzo 2020 n° 18 recante “Misure di potenziamento del Servizio Sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica di Covid-19”.

La modifica consentirebbe ‘a tutti i Sindaci, senza alcuna distinzione concernente la classe demografica del Comune amministrato, di poter godere di permessi retribuiti senza limiti orari per l’intero periodo emergenziale.

Il consigliere di Orgoglio Molise ricorda che: “I Sindaci, da quelli dei Comuni più piccoli a quelli delle Città metropolitane, sono alla luce delle vigenti disposizioni normative Autorità Sanitaria locale.

Di seguito la nota integrale:

“Gentilissimi,
l’articolo 79 del TUEL 267/2000 disciplina i permessi retribuiti di cui possono godere i componenti degli organi esecutivi dei Comuni e più in generale degli Enti Locali. L’articolo 25 comma 6 del Decreto Legge 17 marzo 2020 n° 18 “Misure di potenziamento del Servizio Sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica di Covid-19” ha apportato modifiche all’articolo in oggetto e letteralmente recita: “I permessi retribuiti per i Sindaci ex art. 79 comma 4 del TUEL, sono rideterminati in 72 ore, in luogo delle attuali 24 o 48 ore mensili, fino alla cessazione dello stato di emergenza sul territorio nazionale al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti Covid-19….. “
A riguardo si ricorda che i Sindaci, da quelli dei Comuni più piccoli a quelli delle Città metropolitane, sono alla luce delle vigenti disposizioni normative Autorità Sanitaria locale.
Pertanto si invitano il Signor Presidente del Consiglio dei Ministri e i Signori Ministri a voler provvedere con urgenza ad una modifica correttiva dell’art. 25 comma 6 consentendo a tutti i Sindaci, senza alcuna distinzione concernente la classe demografica del Comune amministrato, di poter godere di permessi retribuiti senza limiti orari per l’intero periodo
Al Ministro per gli Affari europei
Vincenzo Amendola
info.politicheeuropee@pec.governo.it
emergenziale.
Confidando in una solerte correzione l’occasione è gradita per salutare cordialmente”