Dati Ocse sull’inflazione nel mese di giugno 2022, l’appello di Capone

9

paolo capone ugl

ROMA – “Impressionano i dati sull’inflazione all’interno dei Paesi Ocse nel mese di giugno. L’indice dei prezzi al consumo è aumentato fino a raggiungere il 10,3% contro il 9,7% del mese di maggio, l’incremento maggiore dal giugno 1988. In Italia l’inflazione è cresciuta all’8% coinvolgendo non soltanto i beni di prima necessità, in particolare alimentari ed energetici, ma anche quelli non necessari. Siamo in presenza di un fenomeno globale che richiede misure senza precedenti.

In tal senso, occorrono interventi coraggiosi, destinando maggiori risorse a sostegno di una consistente riduzione del cuneo fiscale per dare ossigeno a lavoratori e imprese. L’impennata record dei prezzi rischia di generare un’ulteriore contrazione dei consumi con ripercussioni drammatiche sul tessuto produttivo. Come UGL, ribadiamo l’urgenza di fissare un tetto al prezzo del gas, adottando, al contempo, misure volte a tutelare il potere d’acquisto degli italiani al fine di scongiurare il pericolo di una recessione e di una conseguente crisi occupazionale”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito ai dati Ocse sull’inflazione nel mese di giugno.