Emergenza Covid19, ecco cosa ha insegnato [VIDEO]

20

together we can

“Insieme possiamo”, associazioni molisane protagoniste della Giornata del volontariato. In occasione della ricorrenza istituita dall’Onu il CSV Molise ha dato voce al non profit

CAMPOBASSO – Il cuore grande delle persone. È la la propensione gratuita a donarsi all’altro ed è ciò che, secondo chi opera nel non profit, è emerso in maniera ancora più evidente durante l’emergenza sanitaria in corso da quasi un anno.

Questo è il concetto ricorrente nei messaggi che proprio loro, i volontari, hanno voluto lanciare oggi, in una giornata ricca di significato. Lo hanno fatto registrando dei brevi videomessaggi e partecipando al progetto ideato dal CSV Molise per celebrare la Giornata internazionale del volontariato istituita dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 17 dicembre 1985 che ricorre il 5 dicembre di ogni anno.

Gli operatori delle tante associazioni disseminate sul territorio regionale hanno aperto il bagaglio dei valori che hanno visto crescere dentro di loro con l’esperienza acquisita durante l’emergenza coronavirus e poi, all’unisono, hanno dichiarato: Together we can, insieme possiamo, rilanciando così lo slogan scelto per la 35esima edizione della Giornata mondiale del volontariato.

Le emozioni che traspaiono dai loro volti e dai loro racconti sono racchiuse tutte in questi due contributi:


I volontari hanno mostrato il loro cuore non risparmiandosi mai, aiutando materialmente chi era ed è in difficoltà nel fare la spesa, nell’acquistare dei farmaci, nel sottoporsi a cure e terapie nei vari presidi sanitari della regione. Hanno sostenuto e tuttora stanno accanto agli anziani soli anche con una telefonata, con un abbraccio virtuale tramite smartphone o con un sorriso.

Gesti e parole che donano conforto e che hanno lasciato un segno nell’animo di chi riceve assistenza, ma anche di chi l’ha fornita. La pandemia da coronavirus ha determinato dei cambiamenti nel modo di fare volontariato e il CSV Molise ha accolto la sfida affiancando chi è in prima linea. Oggi sono ancora una volta loro, i volontari, i protagonisti, di un’opera senza fine, qual è quella della solidarietà.